La gioia del cuore è la fonte della salute ed è la via per godere pienamente della vita.


Chi sono

presentazione di Patrizia Cavallo naturopata ad Arezzo Bibbiena

Sono Milanese di nascita e pur amando la mia città mi sono sentita sempre attratta dalla natura e dalla vita all’aria aperta.
Nel 79 in seguito a gravi sofferenze fisiche ed emozionali, decido di compiere un cambiamento nell’approccio alla cura e mi avvicino allo studio della medicina naturale e nello specifico inizio con la macrobiotica e l’erboristeria.

La mia salute migliora notevolmente in tempi relativamente brevi e così la cosa si fa per me sempre più appassionante.
Per quei tempi certe scelte di percorso erano fortemente all’avanguardia e molto contrastate, nonostante ciò persevero e cerco di impostare il mio stile di vita a contatto con la natura e con la sperimentazione quotidiana di rimedi, tecniche ed alimentazione naturali.
La mia esperienza e la consapevolezza di essere sulla strada giusta si raffinano, grazie a un costante lavoro su me stessa.
Gli studi di Naturopatia presso l’Istituto Riza di Medicina Psicosomatica mi portano alla scelta di impegnarmi nella professione di Naturopata e Operatrice del benessere con la specializzazione in Riflessologia Plantare Integrata, Tecnica Cranio Sacrale, Digitopressione Dinamica e Tecnica Metamorfica, apprese con il maestro Luigi Dragonetti.

lo studio

Sono esperta in Alimentazione naturale e in Floriterapia.
Le varie discipline in cui sono specializzata mi permettono di affrontare le varie problematiche che affliggono la persona, in maniera completa e posso in questo modo personalizzare ogni trattamento.
I risultati sono sorprendenti fin dalle prime sedute.
La persona è accompagnata durante questo percorso di guarigione e di evoluzione con proposte di cambiamento che vengono via via suggerite a seconda delle necessità del momento.


Chi è il Naturopata:

Figura professionale recente, il naturopata è un professionista con un codice deontologico ben preciso che si differenzia da quella del medico, con cui spesso è confuso.

Ritengo che il naturopata sia un vero e proprio educatore alla salute e al benessere che con le sue competenze e con la sua esperienza aiuta e guida la persona che si affida alle sue cure a trovare la via verso il cambiamento necessario il un  riequilibrio psico-fisico-emozionale.

Descrizione ufficiale:

“Il naturopata è una figura formata professionalmente che opera per il mantenimento e il recupero dello stato di salute e benessere, si ispira ad una visione unitaria di mente e corpo, tratta ogni problema che il cliente porta, in modo assolutamente personalizzato tenendo conto di tutte le circostanze fisiche, emotive, psicologiche e sociali che vanno ad incidere sullo stato di salute della persona.

Usa rimedi naturali volti ad innescare la capacità di auto guarigione, ad innalzare le difese immunitarie, ad abbassare il livello di stress, a ripristinare l’equilibrio che è alla base di ogni stato di salute.
Usa tecniche e rimedi dolci e non invasivi”


La mia proposta per te

Durante il primo colloquio mi racconterai dei tuoi disagi e delle tue necessità, ti ascolterò con attenzione e ti proporrò il percorso da intraprendere per riacquistare la salute, le cure naturali a volte sembra abbiano bisogno di più tempo per essere efficaci ma questo riguarda il fatto che le persone sono spesso molto intossicate dall’alimentazione scorretta, dall’uso di medicinali chimici e inquinati da vari altri fattori ambientali, lavorativi ed emozionali. Quando però il corpo e la mente saranno disintossicati i rimedi avranno effetto pressoché immediato.

Per correggere l’alimentazione ti farò un test utilizzando la radioestesia, in questo modo scopriremo quali solo gli alimenti che ti creano intolleranza e quali invece ti possano aiutare a recuperare il giusto apporto di nutrimenti. Questo cambiamento ti aiuterà a disintossicare il tuo organismo e a ripulire la mente da pensieri pesanti e ricorrenti.

Sarà poi necessario intervenire sull’aspetto emozionale, ciascuno di noi è soggetto ad accumulare tensioni e disagi a causa di situazioni e vissuti spiacevoli o traumatici perciò un valido aiuto ci viene dato dai Fiori di Bach che in maniera dolce e assolutamente indolore aiutano a elaborare i traumi e a ristabilire la serenità e la pace interiore.

benessere
benessere

In aggiunta a questi interventi che possono essere eseguiti anche a distanza con videochiamata, mi avvalgo di Tecniche manuali di Medicina Naturale nel mio studio, con questi trattamenti lavoro direttamente sul corpo e in maniera profonda ed efficace: a volte bastano 5/6 sedute per riequilibrare situazioni anche molto disagevoli e dolorose.


I trattamenti:


Floriterapia

La floriterapia è un grande aiuto per tutti serve a contattare le emozioni: ogni periodo della vita è caratterizzato da emozioni precise e ricorrenti, a volte le ascoltiamo a volte le rimuoviamo col rischio che col tempo, si materializzino sotto forma di sintomo e producano malattia nel corpo.
L’emozione provoca scompiglio, disagio, esprime un bisogno che per convenienza o compromesso ci si sente costretti a mettere da parte ma prima o poi ci viene presentato il conto e allora la soluzione diventa più faticosa e difficile

In un percorso di benessere consiglio sempre l’esperienza con i Fiori di Bach perché diventa più facile contattare queste emozioni represse e risulta più facile elaborarle: paura, insicurezza, inadeguatezza, sensi di colpa, mancanza di concentrazione, scontentezza, depressione, confusione, ansia , sfiducia, difficoltà ad imporsi, ecc. emergono in modo naturale e si sciolgono, lasciando spazio ad un respiro più ampio e libero, a idee più leggere, che portano soluzioni impensate senza questo aiuto .E’ il modo giusto per ristabilire l’’armonia tra corpo e mente e portare equilibrio nelle emozioni che così non spaventano più ma sono accarezzate e ascoltate come parte di noi, come caratteristica della personalità e mezzo attraverso il quale è possibile il cambiamento.

Senza dare ascolto al disagio non si sa dove andare e come compiere il cambiamento; ascoltare l’emozione e viverla vuol dire diventare consapevoli del bisogno e compiere il cambiamento necessario per trovare la gioia di vivere.


Riflessologia Plantare Integrata

La Riflessologia Plantare è una tecnica antichissima  ne abbiamo conferma da reperti archeologici risalenti all’antico Egitto e alla Cina.

Questa tecnica estremamente efficace lavora attraverso i punti riflessi che si trovano sul piede e descrivono una vera e propria mappa attraverso la quale si possono individuare organi sistemi e apparati e con semplici pressioni, sfioramenti tocchi particolari che inviano messaggi al cervello che li trasmette agli organi corrispondenti nel corpo. Attraverso questa tecnica straordinaria si riesce a intervenire su situazioni a volte complesse e di difficile comprensione, ma attraverso il collegamento che c’è tra i vari organi e seguendo i metodi di cura della medicina tradizionale cinese si riescono a risolvere anche problematiche gravi e di difficile soluzione.

La Riflessologia Plantare integrata elaborata e resa praticabile dal Prof. Luigi Dragonetti  docente dell’Istituto RIZA di Medicina Psicosomatica presso cui ho studiato e che io pratico consiste nella pratica tradizionale della riflessologia di William Fitzgerald integrata appunto con sequenze di tecnica Metamorfica, Digitopressione e Tecnica Cranio Sacrale.

Questo arricchimento del trattamento dà la possibilità di intervenire in maniera ancora più efficace e profonda .

mappa del pede
mappa del piede in riflessologia plantare

Il trattamento riflessologico ha un’importanza speciale per un riequilibrio psico –fisico, per il raggiungimento del benessere e di una nuova consapevolezza; è un ottimo aiuto a livello preventivo, se fossimo educati ad ascoltare il nostro corpo non ci ammaleremmo così facilmente; ecco cos’è la prevenzione: anticipare il disagio pre-venire appunto, non aspettare che il danno sia fatto, nel caso in cui non fossi stato previdente la riflessologia agisce così precisamente ed efficacemente che spesso guarisce le più svariate malattie.

Per fare un esempio posso assicurarti che problemi a volte fastidiosi e con il rischio della cronicizzazione come la stipsi, la sinusite, l’ansia, lo stress, la sciatica, il mal di testa, il mal di schiena ( lombalgie, cervicalgie ecc..), infiammazioni varie, la cellulite stessa (grande problema di noi donne) sono solo alcuni dei disagi che si possono felicemente dimenticare dopo poche sedute di riflessologia e molti dei miei clienti lo possono confermare.

mappa del piede

La persona che riceve questo trattamento può avere, come reazione iniziale, un leggero aggravamento dei sintomi, oppure sente dolore a volte anche abbastanza forte, nelle zone dei punti riflessi, questo fastidio iniziale è comunque necessario per ripristinare la funzione virtuosa dell’organo o del sistema.
Già nei giorni successivi il trattamento si avvertono un miglioramento e una regressione dei sintomi.

Il trattamento è rilassante e profondo porta la persona anche la più irritabile o tesa a lasciarsi andare gradatamente, il dolore che si avverte con la stimolazione dei punti è per la maggior parte dei casi un momento liberatorio e fonte di sollievo, durante il trattamento capita di ricordare episodi vissuti e rimossi, spesso causa di traumi e dunque anche del malessere accusato.
Tutto ciò è davvero meraviglioso, la persona dopo il trattamento si sente liberata, sollevata, alleggerita, più sciolta, elastica, il movimento articolare diventa più fluido, il dolore si attenua, e compare il sorriso anche su volti tetri e corrucciati.


Tecnica cranio sacrale

Approcciarsi a questa tecnica implica un ascolto e una sensibilità particolari che diventano sempre più raffinati con l’esperienza.
La persona che riceve il trattamento sente il desiderio di lasciarsi andare, e succede spesso che cada in una sorta di torpore, i muscoli si rilassano e il respiro si fa regolare. Il protocollo della tecnica si svolge partendo dall’ascolto del ventre per entrare in sintonia con il cliente e poi mano a mano che si sviluppa tocca ogni parte del corpo con pressioni delicate quasi sfioramenti. Questa tecnica lavora sul rilascio graduale ma costante delle tensioni. Le zone di tensione o di blocco rilasciano a poco a poco le rigidità, permettendo al corpo di liberarsi di quegli atteggiamenti fisici, mentali, emozionali ed energetici che hanno provocato il disagio e i sintomi di cui la persona è portatrice. Il corpo come ormai tutti sanno, accumula e materializza i traumi e i disagi psicologici emozionali ed energetici in particolari zone diciamo più “deboli” della persona, questo provoca col tempo lo sviluppo di patologie anche gravi.


Attraverso questa tecnica si arriva nel profondo, si tocca l’inconscio della persona e si riescono a sciogliere traumi anche molto vecchi, con risultati sorprendenti fin dalle prime sedute. La tecnica agisce anche in profondità sull’apparato scheletrico, muscolare, sugli organi interni, riportando equilibrio, favorisce la depurazione del sangue, la circolazione linfatica, il metabolismo, tutte le problematiche dell’apparato digestivo ed escretore, sui problemi relativi agli organi sessuali comprese le problematiche legate al concepimento. E rimette in relazione i piani fisico/mentale/emozionale/energetico tra di loro portando una nuova sensazione di benessere e di presenza, ci si sente in breve più attivi e proattivi, potendo inoltre padroneggiare situazioni e dinamiche che prima si riusciva ad affrontare con fatica e con scarsi risultati.

Spesso durante i trattamenti Riflessologia Plantare Integrata® abbino qualche manovra di tecnica Cranio Sacrale per rendere il trattamento più efficace, con grande piacere del cliente che a fine trattamento si sente molto più rilassato e presente.
Questa tecnica aiuta anche a risolvere problemi dell’apprendimento e della concentrazione negli studenti oltre che aiutare nei casi di dislessia.


Tecnica metamorfica

Capita spesso che durante il trattamento di Riflessologia Plantare Integrata® si “inciampi” in blocchi energetici che non si sciolgono, che annunciano vecchi traumi o situazioni vissute e rimosse che creano profondo disagio e comportamenti che a volte diventano anche autolesionisti.

Ecco che avere a disposizione questa tecnica stupenda fa la differenza.

tecnica metamorfica

A partire dalla Riflessologia Plantare, si è sviluppata un’importante ricerca ed applicazione da parte del Naturopata e Podologo inglese dottor Robert St. John, che gradatamente si è arricchita ed è in continua evoluzione.

Questa metodica, all’inizio, e siamo attorno agli anni ’60, venne chiamata dal suo inventore “Terapia Prenatale”, poiché, secondo St. John, essa è in grado di sollecitare la capacità della persona di modificarsi dal suo interno. Si provoca così una vera e propria “Metamorfosi” che diviene assoluta e permanente ed è tale da influenzare la struttura genetica stessa dell’individuo.

Trattando i suoi pazienti Robert St. John aveva scoperto dei “blocchi di energia” in certi punti della zona riflessa della colonna vertebrale, ai quali fece risalire l’origine dei disturbi e dei disagi.

Il trattamento di questi punti – un leggero sfioramento – innesca un processo di “Revisione” e stimola l’energia a rifluire senza intoppi.

La vita cosciente comincia alla nascita e le caratteristiche dell’adulto sono plasmate durante l’infanzia; ma in realtà una cellula ha una coscienza elementare dall’istante stesso in cui viene creata. Si può affermare che la vita comincia al momento del concepimento, quando si forma la prima cellula.

Le nostre strutture fisiche, mentali ed emotive si stabiliscono durante il periodo di gestazione, i nove mesi fra il concepimento e la nascita.

La nostra vita dopo la nascita è radicata nella vita prima della nascita e ne è influenzata. Questo periodo prenatale è la struttura temporale che deve essere sciolta. Durante quei nove mesi siamo influenzati da parecchi fattori diversi: il modo di essere dei nostri genitori, il loro mondo culturale ed ambientale, lo stadio di evoluzione che l’uomo ha raggiunto, come pure certe influenze non materiali, chiamiamole “cosmiche”.

Tutto ciò dà forma agli schemi della nostra vita, che si stabiliscono in quel periodo. Noi siamo essenzialmente la coscienza che si sviluppa durante la gestazione, quale risultato di tutte le influenze presenti al concepimento. Bisogna quindi cercare di sciogliere la struttura temporale astratta, proprio quella del periodo della gestazione.

Questa struttura è riflessa nel corpo, particolarmente in certe parti dei piedi ed il periodo formativo dei nove mesi, può essere rimesso a fuoco e rielaborato.

Il processo di cambiamento del bruco che diventa farfalla, si può paragonare a ciò che avviene in noi quando ci lasciamo alle spalle degli schemi di malattia fisica o psicologica ed entriamo in nuove aree di sviluppo.

Dentro di noi esiste un potenziale per divenire, ben più di ciò che siamo e, nei limiti che la materia ci impone, abbiamo la capacità di fare l’esperienza della libertà. .

Il lavoro di Metamorfosi si manifesta attraverso un cambiamento del nostro modo di essere: è un movimento che va da ciò che siamo a ciò che possiamo essere, a ciò che vogliamo essere.

Quando si tocca o sfiora il lato del piede, si lavora su un’ energia molto condensata, per avvicinarsi alla massima realtà esistente che è la vita stessa.

Ci muoviamo nel tempo e nell’a-temporalità, e la guarigione avviene perché la persona non è più soggetta a blocchi nel tempo.

Con questo metodo si possono produrre dei cambiamenti ai vari livelli: mentale, emotivo, comportamentale ed anche fisico.

Questo è un regalo che faccio ai miei clienti spesso a fine trattamento per godere completamente e profondamente di un momento magico di riconnessione con l’anima che si è incarnata in quel preciso istante, frutto dell’amore di un padre e una madre che sono stati i tramiti di una nuova vita, la loro appunto.


Alimentazione naturale

Alimentarsi non  vuole dire semplicemente “mangiare”, ma significa nutrire le nostre cellule in modo che possano vivere, riprodursi in salute e  mantenere il corpo sano. Questo concetto fa la differenza tra vivere mangiando e  vivere nutrendosi, troppo spesso oggi il cibo è usato come sostituto di  carenze emozionali e affettive al punto di diventare un vero e proprio problema, è scomparso quasi del tutto quel buon senso che permetteva alle generazioni passate di valorizzare e rispettare il cibo, che diventava vero e proprio sostentamento per condurre una vita umanamente accettabile.

Oggi al contrario si pensa che il solo fatto di dover cucinare e prima ancora fare la spesa siano fatiche inutili, perciò si ricorre sempre più spesso a cibi precotti per risparmiare tempo senza rendersi conto che questo tipo di alimenti oltre che essere cucinati all’origine in modo industriale e dunque trattati con additivi e conservarti di vario genere, sono morti, ossia sono privi di sostanze nutritive. Inoltre il tempo che si “recupera” lo si perde in seguito per curarsi dai danni provocati da questo tipo di alimentazione. Credo che in ogni periodo della vita si possa decidere di stare meglio e solo grazie a questo risveglio della coscienza si può intraprendere un nuovo cammino di benessere: nutrirsi in modo naturale e correttamente significa evitare che il corpo si ammali a causa dell’infiammazione che la cattiva alimentazione favorisce, il cibo allora visto come  un vero e proprio modo di curarsi diventa un aiuto fondamentale per evitare di ammalarsi.

E’ indispensabile sentire quel desiderio e quella curiosità verso ciò che possiamo imparare per condurre una vita più naturale e più ricca di significato.

Ti aiuterò attraverso un graduale cambiamento di abitudini alimentari a individuare e a scegliere gli alimenti adatti alle tue necessità e al tuo metabolismo senza impoverire il gusto del tuo cibo insegnandoti a valorizzare ogni alimento come un prezioso apporto per la tua salute.  


I corsi

Naturopatia facile per tutti

Riflessologia


Contatti

Patrizia Cavallo

3771259146

Viale Filippo Turati 57/E

Bibbiena (AR)